Cos'è una mountain bike 27.5 pollici?

Prendere in considerazione l’acquisto di una mountain bike significa, tra l’altro, trovarsi di fronte a tre diametri di ruote diversi, che sono appunto espressi in pollici. Le tre misure fra cui scegliere sono 26, 27.5 e 29 pollici.

Ciascuna di queste misure ha naturalmente vantaggi e svantaggi, per cui tra gli appassionati si contano estimatori e detrattori di ognuna.

In realtà non si può dire quale ruota sia da preferire in assoluto per la mountain bike, ma la scelta deve essere fatta in base alle prestazioni richieste e alle caratteristiche dei percorsi preferiti.

Mountain Bike 27.5 Pollici: Top 5

1. Mountain Bike 27.5 pollici BIKESTAR

mountain-bike-27.5-pollici-bikestar

Caratteristiche:

  • Dimensioni della ruota: 27.5″
  • Marchio: Bikestar
  • Colore: Nero e Blu
  • Numero di velocità: 21
  • Materiale del telaio: Alluminio
  • Freni a disco

2. Mountain Bike 27.5 pollici NENGGE Forever

bici-mountain-bike-27.5-pollici-nengge-forever

Caratteristiche:

  • Dimensioni della ruota: 27.5″
  • Marchio: NENGGE
  • Colore: Nero e blu
  • Numero di velocità: 27
  • Materiale del telaio: Lega di alluminio
  • Freni a disco
  • Peso : 16.5 kg

3. MTB 27.5 pollici BNMKL Forever

mountain-bike-27.5-pollici-forever

Caratteristiche:

  • Dimensioni della ruota: 27.5″
  • Marchio: BNMKL
  • Colore: Da scegliere
  • Numero di velocità: 27
  • Materiale del telaio: Acciaio al carbonio
  • Freni a disco

4. Mountain Bike 27.5 pollici ATALA Gialla

mountain-bike-27.5-pollici-atala-gialla

Caratteristiche:

  • Dimensioni della ruota: 27.5″
  • Marchio: Atala
  • Colore: Giallo
  • Numero di velocità: 21
  • Materiale del telaio: Alluminio
  • Freni a disco

5. MTB 27.5 pollici ATALA Verde

mtb-27.5-pollici-atala-verde

Caratteristiche:

  • Dimensioni della ruota: 27.5
  • Marchio: Atala
  • Colore: Verde e nero
  • Numero di velocità: 21
  • Freni a disco

Perché scegliere una mountain bike 27.5 pollici?

Ai loro esordi le mountain bike montavano tutte ruote da 26 pollici. In seguito questa misura è stata usata sempre meno, fino a cadere quasi in disuso.

La 26 pollici rende la bici più scattante e facilita cambi di velocità e direzione, ma richiede una maggiore abilità nella guida, che risulta anche meno confortevole. Richiede un notevole sforzo in salita da parte del ciclista, per la limitata aderenza al terreno dello pneumatico. Inoltre gli ostacoli vengono superati con più difficoltà, per il più ampio angolo di attacco.

Tutto ciò è in parte compensato dalla leggerezza di questa misura delle ruote.
All’estremo opposto troviamo la ruota da 29 pollici. I suoi vantaggi su percorsi difficili e sconnessi sono innegabili. L’angolo di attacco degli ostacoli si riduce, rendendo più agevole il loro superamento. La velocità è maggiore, perché a parità di pedalata si percorre più strada.

Inoltre il diametro più grande della ruota conferisce alla bici una notevole stabilità. L’area di contatto della gomma dello pneumatico con il terreno si amplia, a tutto vantaggio dell’aderenza in salita e in curva e della capacità di frenata.

Queste caratteristiche aumentano notevolmente la sicurezza del mezzo, oltre a rendere più confortevole la guida. Gli svantaggi sono relativi essenzialmente a una perdita di scatto e reattività, oltre al peso maggiore della ruota.

Con queste premesse si può comprendere che una ruota dal diametro intermedio fra quelle succitate rappresenta un giusto compromesso, capace di sfruttare i vantaggi e minimizzare gli svantaggi di entrambe.

Per questo una bici mountain bike 27.5 pollici può essere la scelta giusta per la maggior parte degli appassionati, e anche per chi si appresta per la prima volta ad acquistare una bicicletta di questo genere.

Come scegliere una mountain bike 27.5 pollici

Una volta deciso il diametro delle ruote, ci sono ancora parecchi elementi da considerare per la scelta definitiva. Il budget a disposizione è naturalmente molto importante, vista la grande variabilità dei prezzi. Non meno importante sarà chiedersi quale uso si intende esattamente fare della bicicletta che si sta per acquistare.

Una prima distinzione da fare è quella fra modelli front e full. I front hanno solo la forcella ammortizzata sul davanti. I full invece in aggiunta hanno anche un ammortizzatore sul posteriore.

Gli ammortizzatori sono di diverso tipo, a molla o ad aria e hanno anche funzionalità e prezzi diversi. In sintesi, gli ammortizzatori ad aria risultano più leggeri e fluidi, e inoltre si possono regolare o bloccare completamente.

Comunque, le bici full costano più di quelle front e gli ammortizzatori ad aria più di quelli a molla.Per chi intende usare la mountain bike su strade sterrate, con dislivelli modesti, o pensa di cimentarsi per lo più in salite impegnative, va benissimo un modello front. Se si pensa di percorrere per lo più sentieri sconnessi, anche di montagna e prevalentemente in discesa, è decisamente preferibile un modello full.

Per quanto riguarda il materiale del telaio, la scelta più economica è l’alluminio, mentre il carbonio richiede una spesa nettamente superiore anche se a fronte di prestazioni migliori sotto tutti gli aspetti.
Le biciclette, proprio come gli abiti, sono prodotte in numerose taglie in base all’altezza del ciclista. Orientativamente, si ha una taglia ogni 10 cm, a partire da 158 e fino a oltre 196 cm. Bisogna comunque verificare l’apposita tabella, perché può cambiare a seconda della marca.

Per quanto riguarda i cambi, si tende a pensare che 2 o 3 corone siano sempre meglio di una sola. In realtà, anche e soprattutto per un principiante un cambio monocorona può essere preferibile, in quanto semplifica moltissimo la scelta del rapporto da utilizzare.

Parlando di freni, il vecchio tipo a pattini è da scartare, se non per un utilizzo su percorsi semplici e pianeggianti. Per l’uso su sentieri scoscesi e condizioni difficili è assolutamente indispensabile scegliere i freni a disco, soprattutto per la sicurezza.

Tra quelli a disco, quelli idraulici sono i più facili da usare, perché non richiedono uno sforzo fisico.
Per la mountain bike di solito si utilizzano pedali flat, cioè piatti, anche se sono disponibili anche quelli a sgancio, utili solo per scopi agonistici.

Infine, per la sella, esistono dei dispositivi telescopici che permettono di variarne l’altezza mediante un comando sul manubrio.